In quali casi è necessaria l’autorizzazione per l’utilizzo di dispositivi radio ad uso privato in Italia ?

  1. Home
  2. Knowledge Base
  3. Data comm
  4. In quali casi è necessaria l’autorizzazione per l’utilizzo di dispositivi radio ad uso privato in Italia ?

[ht_message mstyle=”alert” title=”Nota bene” show_icon=”true” id=”” class=”” style=”” ]L’utilizzo dei dispositivi radio è regolamentato, a livello europeo, dalla raccomandazione CEPT ERC/REC 70-03.[/ht_message]

La normativa italiana è disciplinata dal D.Lgs. 1 agosto 2003, n. 259 (Codice delle Comunicazioni Elettroniche) dal quale possiamo estrapolare:

  • Art. 105, comma 1 – Attività in regime di libero uso
    Applicabile se l’installazione o l’esercizio dell’impianto avviene, nell’ambito del proprio fondo o in più fondi dello stesso proprietario, possessore o detentore purché contigui, ovvero nell’ambito dello stesso edificio per collegare una parte di proprietà del privato con altra comune, purché non connessi alle reti di comunicazione elettronica ad uso pubblico. Parti dello stesso fondo o più fondi dello stesso proprietario, possessore o detentore si considerano contigui anche se separati, purché collegati da opere permanenti di uso esclusivo del proprietario, che consentano il passaggio pedonale o di mezzi.
    Applicabile altresì in caso di apparati che impiegano frequenze di tipo collettivo, senza alcuna protezione, per collegamenti a brevissima distanza con apparati a corto raggio (Short Range Devices), compresi quelli rispondenti alla raccomandazione CEPT/ERC/REC 70-03.
  • Art. 104, comma 1 lettera C – Attività soggette ad autorizzazione generale
    Applicabile se l’installazione o l’esercizio avviene al di fuori del proprio fondo a tale scopo dovrà essere presentata una dichiarazione, conforme al modello di cui all’allegato 19 (vedi sezione download a fondo pagina).

    [ht_message mstyle=”danger” title=”Attenzione” show_icon=”true” id=”” class=”” style=”” ]In questo caso possono essere previsti contributi.[/ht_message]

[ht_message mstyle=”alert” title=”Nota bene” show_icon=”true” id=”” class=”” style=”” ]Le domande per l’autorizzazione generale devono essere inviate agli ispettorati territoriali di competenza (consultare la lista a questo link).

Dopo un periodo massimo di 60 giorni l’ispettorato verifica la sussistenza o meno dei requisiti richiesti e comunica il divieto di prosecuzione dell’attività (silenzio-assenso).[/ht_message]

Raccomandazione ERC-REC 70-03 scaricabile da qua.

Dichiarazione per l’impianto e l’esercizio di dispositivi di cui all’art. 107, C. 10

Ti è stato utile questo articolo ?

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2017