Come utilizzare il server OPC UA

  1. Home
  2. Knowledge Base
  3. Controllori SlimLine Raspberry
  4. Programmazione CODESYS
  5. Come utilizzare il server OPC UA

L'Open Platform Communications Unified Architecture (OPC UA) è un protocollo di comunicazione automatico per l'automazione industriale adatto a molteplici piattaforme, aperto e sicuro, permette ai controllori logici programmabili (PLC), sia nuovi sia di generazione precedente, di comunicare.

La funzione server OPC UA è nativa nell'ambiente di sviluppo CODESYS, vediamo come realizzare un semplice progetto che pubblica oggetti OPC UA. Nel programma SimpleOPCUA (Download) pubblichiamo lo stato di un ingresso, il valore di un counter e la possibilità di comandare una uscita. Nel progetto abbiamo inserito l'oggetto configurazione simboli ed abbiamo abilitato le proprietà OPC UA.

Pubblicazione variabili

Accedendo all'editor della configurazione simboli, ci troveremo un elenco di tutte le variabili presenti nel nostro programma, andremo ad abilitare solo quelli che desideriamo pubblicare, abiliteremo:

DIStatus di tipo BOOL, ritorna lo stato dell'ingresso digitale
Counter di tipo UDINT, ritorna il valore di conteggio
DOCommand di tipo BOOL, permette di impostare lo stato dell'uscita

Per ogni variabile con un click sulla colonna Diritti di accesso è possibile modificarne i diritti (Lettura, scrittura, lettura/scrittura). Caricando il programma sul target e mandandolo in esecuzione sarà possibile con un client OPC UA accedere alle variabili pubblicate.

Utilizziamo UaExpert

UaExpert® è un client di prova OPC UA multipiattaforma, supporta funzionalità OPC UA come accesso dati, allarmi e condizioni, accesso storico e richiamo di metodi UA. Il programma insieme a molti altri ed a documentazione è scaricabile gratuitamente sia in versione Windows che Android dal sito della Unified Automation.

Ora potremo collegarci al nostro sistema ed andare ad interagire con le variabili pubblicate, utilizziamo per i test la versione Windows. Andremo a definire il server a cui collegarci, con il tasto destro del mouse su Servers apriamo il pop up, impostiamo l'indirizzo IP del sistema e accettiamo con Ok.

Il programma si collegherà al server visualizzandolo nell'elenco, viene visualizzata una voce del tipo opc.tcp://MPS055A200-00001:4840 che indica, protocollo opc su tcp, nome del server e porta (Default 4840). Nota, il programma si connetterà al server usando il nome e non l'indirizzo IP, bisogna assicurarsi che il server DNS abbia il nome configurato (Si può agire sul file hosts di Windows).

Interazione con variabili

Configurato il server con il tasto Connect potremo collegarci, nella finestra in basso saranno visualizzati tutti i simboli che il programma pubblica. Andremo nell'albero dei simboli a cercare il nostro PLC_PRG e troveremo le 3 variabili che abbiamo pubblicato.

Le variabili si possono trascinare nella finestra centrale del programma dove ne verrà visualizzato il valore e se la variabile è accessibile in inputazione sarà possibile modificarne il valore. Posizionandoci con il mouse su ogni variabile nella finestra di destra ne sono visualizzate le proprietà. Il campo NodeId è il campo da definire in un qualsiasi client OPC per accedere alla variabile.

Angolo dei consigli

Come abbiamo visto il programma accede al server OPC UA con il nome e non con l'indirizzo IP, se si vuole accedere con l'indirizzo IP (Soluzione adatta se non vi è un server DNS in grado di risolvere il nome del server) è possibile con il tasto destro del mouse sul nome del server aprire un pop up dove è possibile assegnare un nome mnemonico al server ed il suo indirizzo IP. Se si vuole utilizzare il nome in alternativa al server DNS è possibile modificare il file hosts di Windows (C:\WINDOWS\SYSTEM32\DRIVERS\ETC\hosts) definendo una riga del tipo.

192.168.0.180 MPS055A200-00001

Ti è stato utile questo articolo ?

Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2019