SIM dati M2M da utilizzarsi per soluzioni di telecontrollo

Attenzione !I messaggi sul forum potrebbero essere modificati dal nostro staff. La data e l'ora dei messaggi potrebbe non essere quella di invio ma quella di moderazione da parte dello staff. Grazie per l'attenzione.

Home Forum Discussioni su problematiche generali SIM dati M2M da utilizzarsi per soluzioni di telecontrollo

Questo argomento contiene 17 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da  PAOLO MANTINI 2 mesi, 4 settimane fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 18 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #34850

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Quale SIM utilizzare per le connessioni M2M è una tra le richieste che i nostri clienti ci fanno piu spesso. Ho avuto occasione di scoprire presso un nostro cliente l’offerta Vodafone M2M Gold (Machine To Machine Gold) che ho trovato particolarmente interessante. Riporto estratto dell’offerta Vodafone.

    LE SIM DATI M2M
    Telecontrollo e Telegestione Macchine questa è la missione delle sim M2M. Controlla da remoto gli impianti e i macchinari dislocati sul territorio, utilizzando delle SIM abilitate alla trasmissione dati GSM e GPRS.

     
    M2M VODAFONE
    Grazie alla trasmissione wireless dei dati è possibile, in tempo reale, ottenere dagli impianti dati relativi al funzionamento, allo stato d’uso, al posizionamento geografico, ecc. Inoltre è possibile essere informati in caso di guasti, di allarmi o del superamento di soglie preimpostate da un cliente. Ovviamente il flusso di dati è bidirezionale e consente anche il telecontrollo e la configurazione da remoto degli impianti (ad es.: Vending machines, dispositivi di allarmistica/telecontrollo, sistemi termici, ecc.).
    Vodafone offre piani tariffari dedicati alle applicazioni Machine To Machine e, dal punto di vista infrastrutturale, Vodafone propone architetture specifiche di rete in grado di supportare clienti che necessitano di avere migliaia di SIM connesse contemporaneamente alla rete.
     
    M2M Gold
    Il Piano M2M Gold (Machine To Machine Gold) può essere attivato da tutti i Clienti Azienda e può essere attivato a partire da 1 sim. Il Piano è stato studiato appositamente per permettere alle Aziende di monitorare distributori automatici (ovvero la disponibilità dei prodotti in vendita o il livello di riempimento di raccoglitori di monete o banconote), dispositivi di allarmistica, videosorveglianza o telerilevamento, utilizzando delle SIM abilitate alla trasmissione dati GSM, GPRS e all’invio di SMS.

     
    Costo di Attivazione (Una Tantum)
    10 € per SIM
    Costi Fissi Mensili
    Canone: 1 € per SIM (più IVA) comprensivo di traffico (Dati/Fax, SMS, GSM, GPRS, UMTS verso tutte le direttrici Nazionali).

     
    La somma dei canoni di tutte le SIM del Cliente attive su questo piano costituisce un unico cumulo da cui attingono le SIM stesse. La somma del traffico complessivamente generato da tutte le SIM andrà ad erodere la cifra costituita dalla somma dei canoni (ad esempio un Cliente con 10 SIM attive ha a disposizione un traffico compreso nel canone di 10 Euro, utilizzabili anche da una sola SIM).
    TCG: non prevista.
    Costi del Traffico (più IVA)

     
    TARIFFAZIONE
    Traffico GPRS/UMTS Internet/CDA 0,2 cent/KByte
    Traffico WAP 21 cent/sessione
    Traffico CSD Internet/CDA 5 cent/minuto
    Traffico CSD WAP 10 cent/minuto
    Traffico CSD Dati/Fax Vodafone 5 cent/minuto
    Traffico CSD Dati/Fax tutte le altre direttrici 8 cent/minuto
    Invio SMS 10 cent
    Il traffico CSD prevede uno scatto alla risposta di 10 cent (più IVA).

    #36520

    Luca
    Partecipante

    Vorrei premettere che grazie alle indicazioni M2M del forum ELSIST ho compreso parecchie cose relative allimpiego del model TC35i. Tale modem, fornito da ELSIST è davvero potente e stracollaudato.

    Sono diversi anni che adopero tale modem ed ho realizzato parecchie applicazioni in cui un PC e diversi processori o semplicemente dei processori colloquiano fra loro. Fino ad ora ho sempre inviato e ricevuto SMS (Ho realizzato alcune centraline di telecontrollo comandate con squilli ed SMS, ma non ho mai acquistato una SIM M2M ed ora dovrei farlo, dato che il volume di dati da trasferire nella mia nuova applicazione, è decisamente maggiore.

    Ho provato ad effettuare connessioni con normali SIM dati dedicate ad Internet, ma ho avuto spiacevolissime sorprese. Sia con BT che con WIND i costi di connessione erano spaventosi e, per la verità, con BT non riuscivo ad ottenere altro che NO CARRIER dato che non mi abilitavano il traffico dati fuori da provider. Le mie domande sono:

    E’ sufficiente chiedere una SIM cper connessioni M2M ad un qualsiasi gestore, per effettuare connessioni a bassissimo costo ?
    Con una SIM M2M posso inviare il classico comando ATDXXXXXX senza alcun “;” per stabilire una connessione dati ?
    Se una SIM M2M chiama una SIM “normale”, ovvero una classica SIM voce, è comunque possibile stabilire una connessione ? E se si stabilisce, a che costi viene fatta ?

    Devo dire la verità, ma da INTERNET non mi è molto chiaro.

    #36521

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Per effettuare connessioni dati in dialup tra due modem è obbligatorio usare SIM specifiche per traffico M2M, la tariffazione del traffico dati è a tempo ed è lo stessa della normale telefonata a voce.

    Per effettuare la chiamata dati si utilizza il classico comando ATDTxxxxxxx senza il “;” finale.

    In deroga all’utilizzo delle SIM M2M, per effettuare traffico dati sui modem TC35i, è possibile anche utilizzare le normali SIM voce. Utilizzando il comando AT+CSNS=4 (Il comando è memorizzato nella memoria volatile e viene perso allo spegnimento), si forza il modem ad accettare tutte le chiamate in arrivo come chiamate dati.

    #37362

    Domenico
    Partecipante

    Sono arrivato a questo forum a seguito di un problema che ho sul router UR5. Il router è collegato ad una telecamera che trasmette via web e salva via FTP le immagini di un nostro cantiere 24H su 24H. Il router ha sempre lavorato con una SIM della Tim e da quando ho installato quella Vodafone non sono riuscito ne a visualizzare la telecamera ne il router.

    La sim M2M, da quanto leggo, è una sim per brevi comunicazioni, non per un trasferimento di immagini “importante”. Corretto ? Come posso fare ?

    #37363

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Attenzione a non confondere le comunicazioni in dial-up con le connessioni dati GPRS od UMTS. Le schede M2M sono da utilizzarsi solo nelle comunicazioni tra modem e modem, cioè quelle comunicazioni dove da un modem viene composto il numero di telefono dell’altro modem, e alla risposta viene gestita una comunicazione seriale tra i due i modem.
     
    Tu invece mi parli dell’utilizzo di un router UR5, che utilizza una connessione TCP/IP tramite rete UMTS. In pratica il dispositivo assume un IP dinamico (Viene assegnato dal gestore di rete) ed è raggiungibile via Internet solo digitando l’IP. Visto che tu mi parli di visualizzare la telecamera immagino tu abbia attivato il DynDNS sul router e lo raggiunga con l’URL assegnato.
     
    Il tuo problema è che mentre TIM e Wind lasciano libero accesso ai dispositivi su rete mobile, Vodafone ne blocca l’accesso, quindi mentre il dispositivo può raggiungere il tuo server FTP tu non puoi raggiungere il dispositivo. La soluzione più semplice è chiedere a Vodafone di aprirti le porte in ingresso alla tua SIM od in alternativa creare una VPN tra il router ed il tuo server che deve avere un IP statico.
     
    Puoi provare a configurare l’apn M2Mbis.vodafone.it (Come indicato in questo post) ma non sò se la tua SIM è abilitata all’accesso, armati di molta pazienza e prova a sentire Vodafone.

    #37560

    Anonimo

    Ciao a tutti gli esperti sono un assoluto neofita, ho cercato su internet e mi pare di aver trovato in questo forum della competenze molto buone… Provo quindi a disturbarvi, ho da fare questo:

    – Apparecchiatura 1 <-> seriale RS232 <-> modem siemens MC35i
    – Apparecchiatura 2 <-> seriale RS232 <-> modem siemens MC35i

    Dovrei avere garantito un collegamento punto-a-punto per un certo lasso di tempo (2-3h, in alcuni casi di più), in modo che le due macchine “si parlino” tra di loro. L’utilizzo è molto saltuario e non programmabile a priori (qualche test di funzionamento dei protocolli, poi il funzionamento, poi spegnimento per diverso tempo). Quello che vi chiedo è qualche consiglio su che SIM M2M utilizzereste per questa attività e che contratto.

    Un grazie in anticipo per le risposte al tema.

    #37561

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Non sono un esperto di tariffe in quanto noi rivendiamo i prodotti e non li utilizziamo direttamente, quindi spero che la risposta ti arrivi da qualche frequentatore del forum.

    Quello che noto e che ormai si tende ad evitare le connessioni M2M in dial-up a favore di connessione TCP/IP in GPRS od UMTS, per fare questo si utilizzano dei routers (Esempio i ns Conel) che sono più costosi dei modems ma hanno il vantaggio che ne serve solo uno sull’impianto, dall’altra parte si utilizza una comune connessione Internet. Tra l’altro i routers Conel hanno la possibilità di installare una scheda opzionale che rende disponibile un linea seriale oltre alla rete Ethernet.

    Se usi altri modelli di routers che non hanno la porta seriale puoi sempre utilizzare un convertitore Ethernet/Seriale esempio l’ATC-1000.

    Ti ricordo che le conessioni in TCP/IP sono tariffate a traffico e non a tempo, petanto puoi stare anche sempre connesso al tuo impianto ed e facile trovare tariffe per navigazione Internet da 1Gb/Mese o più a prezzi abbordabili.

    #37671

    Ivan
    Partecipante

    Chiedo scusa se approfitto della vostra competenza ma vorrei capire alcune cose.

    Dovrei gestire diverse M2M (prevalentemente Wind ma anche TIM) sparse in Italia, queste dovrebbero essere chiamate da un modem GSM presente in una sede specifica e scaricare dei dati. Questa operazione dovrebbe avvenire tramite comandi AT. Ciò è corretto ? Nel senso la SIM chiamante, sempre M2M, paga e scarica i dati mentre quelle che ricevono non hanno costi aggiuntivi ?

    Ora se per qualcuna di queste non bastasse la velocità GSM ma servirebbe almeno il GPRS devo solo far abilitare dall’operatore le SIM oppure cambia concettualmente tutto e si tratterebbe poi eventualmente di una connessione internet vera e propria con APN da configurare sul modulo delle SIM che prima ricevevano le chiamate.

    #37672

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Per quanto riguarda la connessione M2M in dial-up è corretta la tua sintesi, il modem GSM della sede effettua tramite comandi AT le chiamate dei modem GSM sparsi sul territorio, e solo la SIM del chiamante paga il costo della chiamata.

    Naturalmente la velocità di comunicazione delle connessioni GSM in dial-up è molto bassa 9600 baud con tempi di attesa tra i pacchetti rilevanti (Anche più di 1 secondo).

    Tutto cambia nelle connessioni GPRS, in questo caso non vi è più una chiamata tra i due modem, ma i modem sul territorio si connettono ad internet e possono stare perennemente connessi (Always On) viene pagato solo il traffico non il tempo. Per realizzare questo tipo di connessione occorre gestire con dei comandi AT la connessione alla APN del gestore e poi gestire il traffico TCP/IP con un server (Normalmente nel cloud). Per accedere alle periferiche occorre sempre passare dal server che andrà sviluppato in base alle Vs esigenze. I nostri sistemi SlimLine sono forniti con una libreria che gestisce autonomamente le connessioni GPRS (Vedi post).

    In alternativa al modem puoi utilizzare un router GPRS o UMTS vedi la gamma Conel, questi prodotti gestiscono autonomamente la connessione TCP/IP e utilizzando il servizio DynDNS possono anche essere raggiunti direttamente con un URL. Come opzione è possibile avere una scheda di interfaccia seriale che può essere vista come una virtual COM.

    #39664

    Roberto
    Partecipante

    Buona sera, ho bisogno di un aiuto se possibile. Abbiamo installato in azienda dei modem TC35, con SIM M2M, per la telelettura di apparati sul territorio (sempre configurati con SIM M2M). Il problema che riscontro è che i sistemi trafficano dati in GSM. questo tipo di traffico per TIM ma anche per altri operatori, non equivale al traffico dati (diciamo puro), ma traffico dati basato su voce (così mi hanno detto).

    Di conseguenza, questa tipologia di traffico non risulta inclusa in alcun contratto a pacchetto e il suo costo, nel caso di parecchie chiamate giornaliere, risulta particolarmente elevato. Mi chiedo se non sia possibile gestire e configurare in modo opportuno il traffico per fare in modo che rientri in quello previsto per le M2M.

    #39665

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Tutte le connessione in dial-up (Fatte cioè da modem componendo il numero dell’altro modem) oltre ad essere estremamente lente sono tariffate come comunicazioni voce GSM.

    Per effettuare comunicazioni dati occorre utilizzare connessioni in GPRS dove non si utilizza più il numero di telefono ma l’indirizzo IP dell’apparato. Anche i nuovi modelli di modem possono gestire comunicazioni dati ma per poter utilizare questa soluzione occorre che l’apparecchio connesso al modem sia in grado di gestire i comandi per lo stack TCP/IP. Questa è una tecnica che noi utilizziamo con i nostri prodotti programmabili SlimLine.

    In alternativa per i routers Conel esiste la possibilità di avere una porta seriale e di poterli utilizzare come virtual COM (Topic), ma si entra nel dedalo degli indirizzi IP pubblici che i gestori non danno di default.

    Se gli apparati sul territorio sono molti, la soluzione migliore e realizzare un sito cloud in modo che tutti gli apparati inviino i loro dati al server (Ii questo caso non server l’IP pubblico sugli apparati). Poi tramite internet sarà possibile accedere al server cloud e gestire i dati. Queste soluzioni noi le proponiamo fornendo librerie per i nostri dispositivi SlimLine per gestire la comunicazione di tipo REST (Topic, Topic) ed alcuni programmi dimostrativi in PHP per realizzare il server cloud.

    #39757

    Luca
    Partecipante

    Premetto che sono un neofita… Vorrei stabilire una comunicazione dial-up  per scambio dati (tipo CSD) tra il mio ufficio (linea fissa telecom e modem analogico integrato in PC portatile) con un modem GSM installato su un impianto ed dotato di una SIM WIND ricaricabile “normale” (no M2M), però la cosa non funziona.. la chiamata parte, il modem GSM risponde … ma poi NO CARRIER…

    Se invece la chiamata parte da un modem GSM dotato di SIM M2M la comunicazione funziona perfettamente…

    Qualcuno sa dirmi Perchè? Sbaglio Qualcosa? E’ possibile rimediare o sto tentando una cosa impossibile?

    #39758

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Per chiamare da una linea fissa ad una SIM in modalità dati occorre che la SIM abbia una numerazione specifica per chiamata dati, dai una occhiata a questo topic.

    #45101

    Buongiorno, premetto che non sono del settore e cercherò di esprimermi al meglio. Per il normale monitoraggio del mio impianto FV, come mi hanno instruito,  tramite chiamata, con il software Landis+Gyr e con un modem GSM, rilevo i valori del contatore. All’interno del modem GSM cosi come nel modem del contatore sono inserite 2 Sim normali.

    Quando all’interno del modem GSM inserisco una Sim Vodafone per ogni chiamata mi scala il credito residuo come se fosse una chiamata normale senza appoggiarsi alla piano tariffario con minuti illimitati, al contrario invece se inserisco una Sim TIM la chiamata viene classificata come “Dati nazionali” e mi scala i minuti del piano tariffario che ho stipulato senza sottrarmi soldi.

    Se inserisco una Sim wind o altri operatori il modem Gsm non si aggancia continuando lampeggiare velocemente. Qualcuno sa spiegarmi il motivo di questa differenza?

    Ammetto che in questi anni ho chiesto supporto a chiunque per capire la funzionalità del sistema e che tipo di chiamate svolgo ma nessuno mai mi ha saputo dare risposta.

    Spero possiate accogliere questo mio un ulteriore “quasi disperato” tentativo di capirci qualcosa.

    #45116

    Sergio Bertana
    Amministratore del forum

    Ti rispondo da autodidatta, non sò esattamente come i gestori trattino le comunicazioni dati in dial-up, a quanto ne sapevo e come ho più volte scritto ritenevo fose necessario avere SIM per comunicazione M2M (Con numerazione dedicata) e che le normali SIM telefoniche non funzionassero.

    Ora tu mi dici che 2 SIM normali funzionano… hai distrutto una mia certezza… poi a che piano telefonico si aggancino è un mistero…

    Per quanto riguarda altri operatori, credo che alcuni non gestiscano comunicazioni dati in dial-up, ormai si tende a comunicare via TCP/IP in GPRS/3G/4G ed in questo caso la tariffazione è la classica tariffazione dati Internet.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 18 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.